Job Demands-Control-Social Support Model and coping strategies: predicting burnout and wellbeing in a group of Italian Nurses / Il modello Domanda-Controllo-Sostegno Sociale e il ruolo delle strategie di coping nella predizione del benessere e del ...

Main Article Content

Renato Pisanti

Keywords

Abstract

Summary
Background: Nursing is generally considered to be a stressful profession. Objectives: The purpose of the present study was to test the core hypotheses of the job demands-control-social support model (JDCS) of Karasek & Theorell (1990). In order to refine and extend the JDCS model, we also analyzed the direct and interactive role of three coping strategies: task- oriented, emotion-oriented, and avoidance-oriented coping. Methods: Questionnaire data from 1383 nurses (77% female) were collected. Results: Controlling for demographic variables and non-linearity of the associations between job characteristics and outcomes (job satisfaction, burnout dimensions, psychological distress, and somatic complaints), hierarchical regression analyses indicated that job control and social support combined additively (p<0.001) with job demands to explain the wellbeing outcomes (explained variance between 6% and 28%). Coping strategies accounted for additional variance (p<0.001; explained variance between 4% and 15%) in all outcomes except in job satisfaction. Support was found for main effects of coping. Coping strategies did not moderate the impact of job characteristics on burnout and wellbeing. Emotion-oriented coping emerged as the most important predictor and was consistently associated with higher burnout levels and lower wellbeing levels. Conclusions: The results demonstrated the need to include the role of individual variables in the JDCS model. The limitations of the study, and theoretical and practical implications are discussed.

Riassunto
«Il modello Domanda-Controllo-Sostegno Sociale e il ruolo delle strategie di coping nella predizione del benessere e del burnout in un gruppo di infermieri italiani». Introduzione: Un’ampia evidenza empirica testimonia che gli infermieri sperimentano una notevole quantità di stress nel corso della loro carriera. Obiettivi: Lo scopo principale del presente studio è stato quello di esaminare le modalità d’azione delle dimensioni lavorative del modello Domanda-Controllo-Sostegno Sociale (DCS) di Karasek & Theorell (1990). Abbiamo inoltre analizzato eventuali miglioramenti nel potere esplicativo del modello con l’inclusione delle strategie individuali di coping (strategie di fronteggiamento focalizzate sulla risoluzione dei problemi, sul controllo delle emozioni, sull’evitamento delle situazioni di disagio). Metodi: In base alle risposte fornite a un questionario somministrato in un gruppo di 1383 infermieri (77% femmine) sono state condotte una serie di analisi della regressione multipla, nella quali sono state considerate come variabili di disturbo il genere, l’età e le relazioni non lineari tra le variabili del modello DCS e le variabili criterio soddisfazione lavorativa, dimensioni del burnout, distress psicologico, e sintomi somatici.
Risultati: Le analisi hanno evidenziato l’effetto additivo (p<0,001) delle dimensioni del modello DCS nella spiegazione delle variabili criterio (% di varianza spiegata varia tra il 6% e il 28%). Il blocco che includeva le strategie di coping si è mostrato significativo (p<0,001) nella spiegazione di tutte le variabili criterio (% di varianza spiegata varia tra il 4% e il 15%), eccezion fatta nel caso della soddisfazione lavorativa. Non sono risultate significative le interazioni tra dimensioni lavorative e strategie di coping. Conclusioni: Complessivamente i risultati dimostrano l’esigenza di considerare il ruolo delle variabili individuali nel modello DCS. Nella discussione verranno presentati i limiti dello studio e le implicazioni teorico applicative.
Abstract 515 | PDF (Italiano) Downloads 234