Immunosurveillance for Mycobacterium tuberculosis of health care personnel in a third level care hospital / Immunosorveglianza tubercolare del personale sanitario in un ospedale di terzo livello

Main Article Content

C. Larcher
E. Frizzera
P. Pretto, et al.

Keywords

Abstract

Summary
Background: Health care workers are at risk for Mycobacterium tuberculosis (MTB) infection. Objectives: To perform an occupational health survey among 621 employees of a 800-bed third level care hospital covered by MTB surveillance. Methods: Statistical analysis was applied to results from tuberculin skin test (TST), QuantiFERON® -TB Gold in tube assay (QFT), PPD-ELISA for serum antibodies, and occupational or vaccine data. Results: 29.1% of subjects were TST positive, 18.5% were QFT positive. In 23% of subjects no correlation between these tests was found, presumably linked to BCG-vaccination, since TST positivity was 4 times higher among vaccinated subjects, whereas both tests correlated well in unvaccinated subjects. QFT values above 2 IU/ml were significantly associated with positive TST and age over 40 years. Working in MTB risk level 4 was significantly associated with QFT, TST, and PPD-antibody levels, suggesting booster effects by repeated exposure. No clear correlation was observed with medical specializations but significantly higher QFT positivity was found in subjects not assigned to the classical medical professions and originating from MTB high risk areas. Conclusions: These results shift the focus on maintenance personnel, who mostly worked in MTB risk level 2 areas. The less positive QFT results in vaccinated subjects highlight QFT’s advantage as a screening tool and argue for a protective effect of the BCG-vaccine, although percentages of vaccinated persons varied largely between different medical professions. Interestingly, the percentage of QFT positive persons was lower among subjects reporting MTB exposure than those who were not aware of exposure events.

Riassunto
«Immunosorveglianza tubercolare del personale sanitario in un ospedale di terzo livello». Background: Il personale sanitario è a rischio di infezione da Mycobacterium tuberculosis (MTB). Obiettivi: Compiere un’indagine di Medicina del Lavoro su 621 lavoratori/trici sottoposti/e a sorveglianza per infezione tubercolare in un ospedale di terzo livello con 800 posti letto. Metodi: Si è eseguita l’analisi statistica dei risultati del test cutaneo alla tubercolina secondo Mantoux (TCT), del test QuantiFERON®-TB Gold in tube assay (QFT) e del test PPD-ELISA per la ricerca di anticorpi sierici e dei dati relativi alla categoria professionale di appartenenza e alla vaccinazione. Risultati: Il 29,1% dei soggetti mostra positività per TCT, il 18,5% per QFT. Nel 23% dei casi questi test non correlano, presumibilmente a causa della pregressa vaccinazione con BCG; infatti, mentre nel personale vaccinato la positività per TCT è quattro volte maggiore di quella per QFT, in quello non vaccinato vi è una buona correlazione tra i due test. Livelli di QFT al di sopra di 2 IU/ml sono significativamente associati a positività per TCT e ad età maggiore di 40 anni. Il lavoro in reparti con livello di rischio 4 di esposizione a MTB è associato significativamente sia a positività per QFT e TCT sia ad un aumentato livello di anticorpi anti–PPD, suggerendo l’ipotesi di un effetto booster dovuto ad esposizioni ripetute a MTB. Non si evidenzia nessuna chiara correlazione nell’ambito delle specializzazioni mediche, mentre positività di QFT significativamente più alta è presente nel personale non appartenente alle professioni sanitarie ma proveniente da aree ad alto rischio di tubercolosi. Conclusioni: I dati ottenuti fanno porre particolare attenzione al personale ausiliario che lavora in ambiente con di livello di rischio 2 di esposizione a MTB. Una minor positività di QFT nel personale vaccinato evidenzia il vantaggio di utilizzare QFT come test di screening e depone per un effetto protettivo del vaccino BCG, sebbene la percentuale di persone vaccinate differisca sensibilmente nell’ambito dei diversi profili professionali. Interessante notare che la percentuale di positività per QFT è minore tra il personale che riferisce un evento specifico di esposizione a MTC rispetto a quello non conscio di essere stato esposto.
Abstract 127 | PDF (Italiano) Downloads 6