Valutazione non invasiva della patobiologia polmonare in una coorte di lavoratori del settore acconciatura / Non-invasive assessment of lung pathobiology in hairdressers

Main Article Content

M. Corradi
M. del Mar Jordana Sanchez
O. Acampa

Keywords

Abstract

I parrucchieri sono esposti a diverse sostanze chimiche sensibilizzanti ed irritanti che possono causare affezioni a carico delle vie respiratorie. In questo studio sono stati valutati i sintomi respiratori, la funzionalità respiratoria, la frazione di ossido nitrico esalato (FE(NO)50) e alcuni indicatori di stress ossidativo [perossido d’idrogeno (H(2)O(2)), la malondialdeide (MDA) ed il 4-idrossi-nonenale (HNE)] nel condensato dell’aria esalata (CAE) in 23 parrucchieri (Gruppo 1) durante il giorno di riposo e in 12 lavoratori (Gruppo 2) ad inizio turno (IT) e fine turno (FT) di uno stesso giorno lavorativo. Il gruppo di controllo era formato da 18 soggetti non occupazionalmente esposti. La maggior parte dei lavoratori riferiva sintomi respiratori in assenza di alterazioni dei parametri spirometrici (eccetto un soggetto) e valori di FE(NO)50 sostanzialmente entro i valori di riferimento. Non si sono riscontrate variazioni significative di FENO50 tra IT e FT. Nel CAE H(2)O(2) e HNE erano più elevati nel Gruppo 1 (H(2)O(2): 0,16 [0,05- 0,19] μM; HNE: 0,94 [0,82-1,22] nM) rispetto ai controlli (H(2)O(2): 0,05 [0,02-0,09] μM; HNE: 0,61 [0,49- 0,78] nM, p<0,001). Si è osservato un incremento significativo di H(2)O(2) e MDA nei campioni di CAE di FT (0,56 [0,23-3,62] μM e 5,21 [4,93-5,95] nM) rispetto quelli di IT (0,11 [0,03-0,28] μM e 4,12 [3,46-5,16] nM, p<0,001 e p<0,02, rispettivamente). Questo studio dimostra che aumentati livelli di indicatori di stress ossidativo sono rilevabili nel CAE dei parrucchieri in assenza di alterazioni della funzionalità respiratoria. Gli indicatori di stress ossidativo possono essere utili parametri per la valutazione di precoci alterazioni biochimiche a carico delle vie respiratorie, superando i limiti dei tradizionali test spirometrici che evidenziano alterazioni tardive e spesso irreversibili.

Non-invasive assessment of lung pathobiology in hairdressers
Background: Hairdressers are exposed to chemical agents with potentially irritant and sensitizing effects on airways.Objectives: To asses the presence of respiratory symptoms and biochemical and functional changes of the airways in a cohort of hairdressers. Methods: Respiratory symptoms, lung function tests, fractional exhaled nitric oxide (FE(NO)50) and selected oxidative stress biomarkers [hydrogen peroxide (H(2)O(2)), malondialdehyde (MDA) and 4-hydroxynonenal (HNE)] in exhaled breath condensate (EBC) were assessed in 23 hairdressers on a rest day (Group 1); 12 workers (Group 2) were willing to perform the same tests at the beginning (BS) and at the end of a shift (ES) on the same working day. Eighteen subjects not occupationally exposed to airways irritants formed the control group. Results: Most of the hairdressers reported respiratory symptoms during work; however, all (except one) showed normal spirometry indexes. FE(NO)50 levels were within the reference limits and did not change comparing BS vs. ES sampling. H(2)O(2) and HNE values in EBC were higher in Group 1 (H(2)O(2): 0,16 [0,05-0,19] μM; HNE: 0,94 [0,82-1,22] nM) than in controls (H(2)O(2): 0,05 [0,02-0,09] μM; HNE: 0,61 [0,49-0,78] nM, p<0,001). In Group 2, H(2)O(2) and MDA levels were higher in EBC collected at ES (0,56 [0,23-3,62] mM and 5,21 [4,93-5,95] nM) in comparison with the BS values (0,11 [0,03-0,28] mM and 4,12 [3,46-5,16] nM, p<0,001 and p<0,02, respectively). Conclusions: Increased levels of oxidative stress biomarkers are detectable in EBC of hairdressers, without impairment in respiratory function. Exhaled biomarkers of oxidative stress may be sensitive end points for evaluating early biochemical changes in the airways of hairdressers.
Abstract 76 | PDF (Italiano) Downloads 1