Inadequate access to diagnostic resources: a case of unrecognised hypersensitivity pneumonitis / Accesso inadeguato alle risorse diagnostiche: un caso di polmonite da ipersensibilità non riconosciuta

Main Article Content

Nicola Magnavita

Keywords

Abstract

Objective: Hypersensitivity pneumonitis (HP) often goes unrecognized because of its relatively low incidence in the general population and it is frequently misdiagnosed as a respiratory infection or idiopathic interstitial lung disease. Methods: Through the analysis of a paradigmatic case of hypersensitivity pneumonitis, in which only symptomatic diagnosis and treatment were proposed, we argue that limiting the clinical process to generic diagnosis, without detection of the etiologic agent, makes it impossible to avoid exposure, hinders compensation and severely worsens the evolution of the disease. Results: In 1981, a previously healthy, 28-year-old female clerk developed respiratory symptoms. She was diagnosed as suffering from extrinsic bronchial asthma and was treated with steroids and broncho-dilators. Neither immunologic tests nor any environmental pathogen research were proposed until 2008, when precipitins analysis showed positivity to Thermoactynomyces vulgaris, which had presumably contaminated the centralized air-conditioning system. Conclusions: The diagnosis of HP is unlikely to be missed if, in all clinical settings, occupational or environmental causes are routinely considered in the differential diagnosis of any patient with a respiratory problem. This approach could provide a better clinical management of the disease and more effective programmes of primary prevention. Implicit rationing of healthcare resources by limiting diagnostic tests that are not readily accessible reduces patient autonomy and the benefits of medical care.

Accesso inadeguato alle risorse diagnostiche: un caso di polmonite da ipersensibilità non riconosciuta
Obiettivo: La polmonite da ipersensibilità (HP) spesso sfugge alla diagnosi a causa della sua incidenza relativamente bassa nella popolazione generale ed è spesso confusa con infezioni respiratorie o malattie interstiziali idiopatiche del polmone. Metodo: Tramite l’analisi di un caso paradigmatico di HP, nel quale è stato effettuato solo il trattamento sintomatico, giungiamo alla considerazione che limitare il processo diagnostico alla diagnosi generica, senza identificare l’agente eziologico, rende impossibile evitare l’esposizione, impedisce l’indennizzo del lavoratore e peggiora sensibilmente l’evoluzione della malattia. Risultati: Nel 1981, una impiegata ventottenne precedentemente in buona salute sviluppa una sintomatologia respiratoria che viene interpretata come asma bronchiale estrinseco e trattata con corticosteroidi e broncodilatatori. Nessun test immunologico né alcuna indagine ambientale viene eseguita fino al 2008, quando la ricerca delle precipitine risulta positiva per Thermoactynomyces vulgaris, che aveva probabilmente contaminato l’impianto centralizzato di aria condizionata. Conclusioni: La diagnosi di HP non può sfuggire se nella diagnosi differenziale dei pazienti con problemi respiratori si tiene conto di tutte le possibili cause professionali e ambientali. Questo approccio fornisce un migliore trattamento clinico della condizione morbosa e consente di mettere in atto la prevenzione primaria. Evitare di prescrivere i test diagnostici meno comuni e non facilmente accessibili costituisce un razionamento implicito delle risorse sanitarie, che riduce l’autonomia del paziente e il beneficio delle cure.
Abstract 127 | PDF (Italiano) Downloads 59

Most read articles by the same author(s)