Confronto dei contenuti formativi delle Scuole di specializzazione dell’Area di Sanità Pubblica: le basi razionali per una proposta di core curriculum per il percorso formativo universitario ex art. 38, D.Lgs 81/2008 / Comparison of the training schemes of the specialization schools of the public health area: a rational basis for a proposal of a core curriculum for the university training programme contained in article 38 of Legislative Decree (D.Lgs) 81/2008

Main Article Content

M. Manno
G.B. Bartolucci
P. Boscolo et al.

Keywords

Abstract

Obiettivo del presente documento è quello di confrontare i profili specialistici, gli obiettivi formativi ed i percorsi didattici, così come sono previsti dal D.M. 1 agosto 2005, per le tre principali Scuole di specializzazione dell’area di Sanità pubblica: Medicina del lavoro, Igiene e medicina preventiva e Medicina legale. Ciò al fine di individuare, con criteri chiari ed oggettivi, quali siano i contenuti che gli specialisti in Igiene e medicina preventiva e quelli in Medicina legale dovranno colmare, attraverso i percorsi formativi universitari previsti dall’art. 38 del D.Lgs 81/2008, per poter svolgere le funzioni di Medico Competente (MC). Da tale confronto emergono chiare differenze di impostazione e di contenuti tra le tre scuole. In particolare, sia la scuola di Igiene che quella di Medicina legale mancano di percorsi formativi di tipo clinico, indispensabili per la formazione del MC, che prevedano specifiche attività diagnostiche e terapeutico-riabilitative, ambulatoriali o al letto del paziente, e che includano la sorveglianza sanitaria mirata al rischio specifico, il monitoraggio biologico individuale o di gruppo, la valutazione dei fattori di suscettibilità individuale ed ogni procedura clinico-anamnestico-strumentale finalizzata alla diagnosi e alla prevenzione delle malattie professionali. La scuola di Igiene risulta inoltre carente anche sotto il profilo dei criteri metodologici e degli strumenti di valutazione dell’idoneità del lavoratore esposto a rischio, mentre la scuola di Medicina legale appare carente anche dal punto di vista dei criteri e delle modalità applicative per la valutazione dei rischi occupazionali. Sulla base di quanto rilevato si sono pertanto individuati i debiti formativi che i medici specialialisti in Igiene e medicina preventiva e quelli in Medicina legale dovranno colmare, rispetto ai medici che posseggono il titolo di specializzazione in Medicina del lavoro, per acquisire un titolo abilitante allo svolgimento delle funzioni di MC. Infine, sulla base dei corrispondenti crediti formativi viene qui proposto un core curriculum adeguato ai contenuti del percorso formativo universitario previsto dall’art. 38 del D.Lgs. 81/2008.

 

Comparison of the training schemes of the specialization schools of the public health area: a rational basis for a proposal of a core curriculum for the university training programme contained in article 38 of Legislative Decree (D.Lgs) 81/2008
A document by the “B. Ramazzini” College of University Teachers of Occupational Medicine of the Italian Society of Occupational Health and Industrial Hygiene (S.I.M.L.I.I.). The aim of this document was to compare the professional competence, training profile and core curricula of the three main specialization courses in the Public Health postgraduate medical area, i.e. Occupational Medicine, Hygiene and Preventive Medicine, and Forensic Medicine, such as contained in the Ministerial Decree (D.M.) of 1 August 2005. We set out to identify, using clear and objective criteria, the knowledge and skills that specialists in Hygiene or Forensic Medicine must develop, in accordance with Art. 38 of the new Italian law on safety and health at work (D.Lgs 81/2008), in order to be authorized to perform occupational health activities as “Competent Physicians” (CP). The comparison revealed significant differences in structure and content among the three courses. In particular, compared to the course in Occupational Medicine, the courses in Hygiene and in Forensic Medicine both lack clinical training, including diagnostic and therapeutic skills, risk-oriented occupational health activities, biological monitoring, assessment of individual susceptibility, and clinical or instrumental procedures to prevent and detect occupational diseases. Furthermore, the specialization course in Hygiene lacks any training regarding the criteria and methods for assessing the individual worker’s fitness for work, while the course in Forensic Medicine  lacks any training in occupational risk assessment and management. From this comparison, a list was derived of the education and training debits that specialists in Hygiene or Forensic Medicine should cover (credits) in order to be authorized to perform CP activities as indicated by the new law. A core curriculum is proposed here, based on the corresponding credits, for use as a reference.

Abstract 95 | PDF (Italiano) Downloads 1