Funghi eduli e rischio chimico

Main Article Content

G. Zincari
D. Rivetti
V. Soardo, et al.

Keywords

Abstract

Molti elementi sono presenti in natura a basse concentrazioni e possono essere essenziali per la crescita delle piante come il rame, lo zinco, il ferro o il manganese. L’elevata concentrazione di metalli nei funghi edibili raccolti in natura costituisce una fonte di avvelenamento cronico nota da tempo. Quindi, i funghi possono favorire la diffusione di metalli pericolosi come il cadmio, il piombo ed il mercurio dall’ambiente nella catena alimentare animale ed umana. L’utilizzo delle deiezioni zootecniche come substrato di crescita di funghi coltivati può favorire l’accumulo di questi elementi. L’uso di prodotti fitosanitari per la coltivazione dei funghi contribuisce anche alla distribuzione di metalli quali arsenico, rame, mercurio, zinco e ferro. In questo articolo sono riassunti i risultati di alcuni lavori scientifici sui possibili rischi chimici derivanti dal consumo di funghi da crescita spontanea e coltivati.

Edible mushrooms and chemical risk
Summary
Many elements occur naturally in low concentrations and may be essential for plant growth such as copper, zinc, iron or manganese. The high concentration of metals in edible mushrooms collected in nature is a source of chronic poisoning known for some time. Thus, the mushrooms may promote the spread of hazardous metals such as cadmium, lead and mercury from the environment in animal and human food chain. The use of manure, as a substrate for growth of cultivated mushrooms may promote the accumulation of these elements. The use of plant protection products (pesticides) for mushroom cultivation also contributes to the distribution of metals such as arsenic, copper, mercury, zinc and iron. This article summarizes the results of some scientific papers about possible chemical hazards from the consumption of mushrooms to be cultivated and spontaneous growth.

Downloads

Download data is not yet available.
Abstract 137 | PDF (Italiano) Downloads 76